Cetnici e fascisti davanti alla vittima